Giuseppe Bergomi

Opere

Artista Giuseppe Bergomi

Presente nella nostra galleria dal 2017.

Nato a Brescia nel 1953.
Si forma all'Accademia di Brera come pittore; nel 1981 inizia a modellare tenendo, solo un anno dopo
(1982), la prima mostra di sculture alla Galleria dell’Incisione di Brescia.
Nel ‘92/93 l’Accademia di Beychevelle per l’Arte Contemporanea lo invita a vivere e a lavorare a Château Beychevelle. In Francia lo scultore realizza una grande terracotta raffigurante L'allegoria della Giustizia, con la quale vince il Grand Prix Château Beychevelle 1993.
Nel 1996 viene invitato alla XII Quadriennale d’arte di Roma, in tale occasione la Camera dei deputati
acquista una sua opera. L’anno successivo gli viene conferito il Premio Camera dei deputati e si inaugura una esposizione personale a Palazzo Montecitorio. Nello stesso anno il Principato di Monaco acquista due sue grandi sculture in bronzo, esposte alla VI Biennale di Scultura di Montecarlo.
Nel 2000 realizza una scultura monumentale in bronzo dal titolo Uomini, delfini e parallelepipedi per
l’ingresso dell’acquario di Nagoya in Giappone.
Nell’estate 2005 il Chiostro del Bramante di Roma ospita una grande esposizione dell’artista con sessanta sculture in bronzo policromo curata da Italian Factory. La stessa mostra verrà inaugurata a Palazzo Martinengo a Brescia nel febbraio 2006.
Seguono numerose esposizioni nazionali e internazionali Attualmente è presente alla Biennale di Venezia (54. Esposizione Internazionale d’Arte,Padiglione Italia, Arsenale)
Protagonista del lavoro di Bergomi è la figura umana, da sempre tema centrale della sua ricerca: la moglie e le figlie, soggetti ispiratori della sua poetica, appartengono alla sua quotidianità elevata a monumento dell'umano sentire. Il realismo di Bergomi rivela un linguaggio pulito e misurato, frutto di un lavoro lento e meticoloso mirato a depurare l'immagine da qualsiasi particolare superfluo.