Matteo Massagrande

Opere

Artista Matteo Massagrande

" Quadri di sapore intimistico, dove la luce-colore gioca un ruolo predominante, per non dire intimistico. P.R" La visione di Massagrande è tutta di interiorizzata sensitività: sollecitazione di una memoria prensile stimolata a evidenziare la luce che irradia dalle cose e che costituisce la texture della materia, della natura, della carne, dell'ambiente, come sonorità sincopata ed espansa di energia, di passione, di partecipazione. Una sostanziosa "nostalgia" di forme, di luoghi, di colori, di odori, di atmosfere, di tagli di luce, di impressioni e di emozioni permea una tensione esecutiva sostenutada una grande abilità e mestiere, e promuove un desiderio, un bisogno di restituzione, che però non passa attraverso la rappresentazione, la pura e semplice ricomposizione dell'immagine della realtà, ma è " risentimento", risonanza intima che coinvolge e acuisce la memoria dei sensi: una sorta di imprinting singolare che recupera il rapporto col reale, contro la labilità della visione affrettata che scivola sulle cose e contro l'indeterminatezza e l'nadeguatezza dell'immagine confezionata della massificazione culturale stampata e televisiva. ". " ogni oggetto assume particolarissimo significato nel contesto fluido del vissuto personale fatto di richiami tattili, di suggestioni tecniche, di riferimenti olfattivi, di gusto estetico,di deposito ricordi di presense, gesti,parole, suoni, ma ciò non significa che Massagrande miri alla restituzione dell'oggetto in sè, come reperto archeologico della prppria storia e, quindi, voglia farne il soggetto esclusivo di un racconto e di un fare pittura semplicemente come scandaglio e riaffermazione di un tempo ritrovato contro la nostalgia del tempo perduto. G.S.