Riccardo Mannelli

Opere

Artista Riccardo Mannelli

Presente nella nostra galleria dal 2011.

Due sono le cose che mi comunicano i dipinti di Riccardo MannelliRiccardo Mannelli: la prima è che la trama delle avventure e delle disavventure dell'Anima è inesorabilmente scritta nel corpo, la seconda è che il corpo ci porta nello scenario inquietante dell'indifferenziato, che gli antichi chiamavano "sacro" e noi, più modestamente "inconscio", da cui gli Uomini si sono emancipati per inaugurare la loro storia, ma da cui non possono prescindere se non vogliono estinguerla. Custodi di questa ambivalenza sono gli artisti che sanno attingere l caos originario, rischiando la padronanza di sè, in quel territorio così poco rassicurante che è la mescolanza di tutte le cose (...). Umberto Galimberti Hasta maniana mi amor', indaga i gesti di affetto e le tenerezze di amanti ritratti nella loro intimità di coppia, colti nel momento in cui si scambiano l'augurio di rivedersi l'indomani al loro risveglio; davanti hanno una ipotetica notte di sonno o di oblio, che potrebbe essere, anche metaforicamente, "a nuttata" eduardiana, alla quale, però, vanno incontro con questo schietto e disarmante ottimismo determinato dalla certezza della loro passione reciproca: "a domani amore mio". "Blues" sono singoli ritratti femminili colti in momenti di abbandono riflessivo, immersi nel loro mistero; stati d'animo apparentemente imperscrutabili e "irraccontabili" che trovano lo sbocco comunicativo solo grazie alla loro sfacciata sincerità, come un blues, appunto. La carne, il corpo sono lo spettacolo umano per eccellenza; il più misterioso e il meno misterioso di tutti. Tutto dipende solo dallo sguardo di chi assiste allo spettacolo. Ricostruire la bellezza si può, proprio perchè ne abbiamo davanti le macerie. Nato a Pistoia (1955), dal '75 collabora con la stampa nazionale e internazionale; dal 1980 realizza rèportages disegnati in giro per il mondo. Protagonista delle maggiori testate satiriche europee (L'Echo des Savanes, Humour. Cuore, Satyricon, ecc.) alcune delle quali dirige, o partecipa alla fondazione (Il Male, , Boxer, Il Cuore). Lavora per La Repubblica e Il Fatto Quotidiano e con altre testate, anche estere. Pubblica diversi libri , l'ultimo dei quali nel 2013 "Fine penna mai". Parallelamente ha evoluto una personale ricerca pittorica, documentata in svariate mostre e cataloghi, tra i cui esiti: il ciclo pittorico di sessanta opere Commedia in Z.E.R.O. ( catalogo ); il fregio virtuale proiettato sull'Ara Pacis Apoteosi dei corrotti, da cui è nato l'omonimo libro; con Jan Saudek Teneri Barbari (catalogo).Nel 2011 è invitato alla 54 Biennale di Venezia, nel Padiglione Italia. Sempre nel 2011 espone l'intero ciclo "commedia IN Z.E.R.O." al Festival di Spoleto (catalogo). Nel 2012 pubblica per Tricromia il libro d'arte "A." e tiene la personale "Appunti per la ricostruzione della bellezza" alla Galleria Gagliardi di S.Gimignano. Nel 2015 tiene una bi-personale alla Philobiblon Gallery "ROPS + MANNELLI"( catalogo); la stessa mostra viene trasferita da marzo a giugno al Palazzo Ducale di Urbino, a cura di Vittorio Sgarbi. Febbraio 2016 mostra personale alla Building Bridges Art Gallery di Los Angeles. Insegna allo I.E.D. dove coordina il dipartimento di Illustrazione e Animazione.

Bellezza Vera
San Gimignano
Dal 10/09/2016 al 02/10/2016
Maggiori Informazioni

Appunti per la ricostruzione della bellezza
San Gimignano
Dal 31/03/2012 al 22/04/2012
Maggiori Informazioni

Riccardo Mannelli
Edizioni Gagliardi - 2016
Download PDF - Pag.52